L’educazione musicale nell’era tecnologica

Dettagli evento

  • 7 aprile 2019
  • 21:00
  • Ottavanota
    Ingresso concerti a offerta libera
  • 02.89658114

L’educazione musicale nell’era tecnologica

Cattaneo-Monteforte quartetto: Paolo Cattaneo, chitarra – Giovanni Monteforte, chitarra
Maria Torelli, contrabbasso – Mimmo Tripodi, batteria

L’uso degli strumenti acustici vuole suggerire una riflessione, volta a rivalutare l’esperienza musicale sul versante audio-percettivo, con le molteplici implicazioni affettivo-emozionali.

Il “Cattaneo-Monteforte Quartetto” nasce e si consolida dall’incontro di due musicisti che, a metà degli anni ottanta, cominciano a “dialogare” utilizzando un linguaggio jazzistico aperto a esperienze atonali ma, nel contempo, rispettoso della tradizione con i suoi rigorosi presupposti linguistici.
Ne consegue una soluzione stilistica particolarmente originale, tra le prime in Italia, che dà vita ad una concezione espressiva libera e disinibita: un ponte tra passato e presente, il tutto attraverso una prassi strumentale fondata su un approccio cameristico.
Il “Cattaneo-Monteforte Quartetto” ha partecipato ad importanti rassegne jazz tra le quali: “Jazz in Italia”, al Capolinea di Milano nel 1987, “Jazz in Metrò” nel 1990, “Iseo Jazz” nel 1994. Il quartetto, inoltre, ha al suo attivo un CD, “Dimensione verticale”, che ha incontrato pareri molto favorevoli da parte della critica. Alcuni brani del CD sono stati successivamente inseriti in una “compilation” con vari musicisti di fama internazionale tra cui Jim Hall, Chick Corea, John Scofield, Bob Berg, Diane Schuur, Claudio Fasoli.
Sia Cattaneo che Monteforte sono autori di numerosi lavori in ambiti diversificati e, con Franco Cerri, di un testo specialistico sulla chitarra jazz pubblicato da Ricordi.
Con una nuova formazione, il “Cattaneo-Monteforte Quartetto” vuole dare continuità a un’esperienza collaudata e aprire una riflessione sulla performance musicale concepita non come “cinico criterio dell’efficienza della prestazione” (Lyotard), bensì come vissuto relazionale attento sia alla dimensione spirituale sia a quella “musicoterapica” legata alla consolidata pratica professionale di Paolo Cattaneo in ambito sociosanitario.
Oggigiorno, dove la cantabilità più autentica sembra essere prevaricata da un neoaccademismo, tanto meccanicistico, quanto claustrofobico, il Quartetto Cattaneo-Monteforte propone un repertorio incentrato sulla canzone intesa nella sua valenza più diretta e comunicativa.

Programma completo della stagione tango/jazz 2019