logo

Chet mood’s – 25-10-2013

Grande jazz a OttavaNota in occasione del terzo appuntamento della rassegna JAZZTRIBE. Una serata dedicata allo spirito di Chet Baker, nel senso di una musica che “incarna lo spirito melanconico, introspettivo e viscerale, dei grandi melodisti” con un duo d’eccezione, Mario Rusca al pianoforte e Marco Brioschi alla tromba. Due musicisti di grande fama che hanno alternato la poesia trascinante in cui Baker era maestro indiscusso con dei momenti di altissimo virtuosismo musicale.
Mario Rusca, colonna portante del jazz italiano, musicista che ha collaborato con tantissimi artisti, si è espresso al meglio con una vitalissima performance davvero da antologia. Allo tromba e al flicorno Marco Brioschi, grande solista che possiamo ricordare, tra le tantissime collaborazioni, con Roberto Vecchioni nella serata televisiva dedicata a Jannacci in una struggente esecuzione di Vincenzina e la fabbrica.
La serata si è aperta con due brani rispettivamente di Duke Ellington e di Chet Baker, per poi proseguire con una suadente versione musicale di My funny Valentine, standard jazzistico in cui tutti i migliori artisti si sono cimentati.
Il programma ha poi visto l’esecuzione, tra i molti brani, di un blues di Mario Rusca, una bossa nova di Antonio Carlos Jobim, di un tributo di Mario Rusca per pianoforte solo a Bill Evans ed una ammaliante versione di In a sentimental mood, standard scritto da Duke Ellington.
Una bella occasione per ascoltare due musicisti animati da una grande passione che hanno saputo trasmettere al pubblico dell’Auditorium di OttavaNota.
Il quarto appuntamento di JazzTribe a Ottavanota si terrà il 6 dicembre con il Cajon Jazz Trio composto da Evaristo Perez, Martha Telmo e Philippe Brassoud.

Galleria eventi 2013

data evento:
ottobre 29, 2013