logo

Matthews – Diaferio 22-11-2013

Secondo appuntamento con il blues a Ottavanota; dopo il concerto del chitarrista Paul Garner, questa volta nell’auditorium di via Marco Bruto è stato il turno di Randolph Matthews, cantante, percussionista e performer londinese.
Esibendosi in una straordinaria miscela di jazz, soul e beatbox (capacità di imitare tutti i suoni di una batteria e di altri strumenti con il solo uso della voce) Matthews ha alternato brani originali a noti standard presentati in versioni decisamente interessanti.
Accompagnato da Alessandro Diaferio alla chitarra e con l’utilizzo di un campionatore come base ritmica, il cantante londinese ha suonato diciotto brani, tra cui diversi standard come What’s going on, Police Dog, Ain’t no sunshine di Bill Whiters, Sexual nealing e I Heard It Through The Grapevine di Marvin Gaye e Nature Boy di Nat King Cole.
Randolph Matthews, considerato un vero specialista della beatbox e nell’uso della loop station, ha collaborato con diversi artisti della scena internazionale.
Alessandro Diaferio, chitarrista decisamente versatile, nel 2007 ha vinto il primo premio come miglior chitarrista acustico italiano. E’ uno specialista delle open tunings (utilizzo di accordature sempre diverse per ogni brano eseguito) che permettono l’ampliamento delle possibilità sonore dello strumento.
Una straordinaria serata che per il momento chiude l’esperienza blues a Ottavanota.

Galleria eventi 2013

data evento:
novembre 25, 2013